La sensibilità dentale: sintomi e rimedi

Molte persone lamentano spesso fastidio o dolore ai denti quando mangiano o bevono qualcosa di troppo caldo o troppo freddo, oppure cibi particolarmente zuccherini. Si tratta con ogni probabilità di casi di ipersensibilità dentinale.

Cos’è l’ipersensibilità dentinale?

È una sensazione di fastidio provocata dall’assottigliamento degli strati di smalto e dentina, per cui gli stimoli fisici, chimici e meccanici raggiungono direttamente i nervi presenti nella polpa del dente attraverso i tubuli, provocando dolore.

La-sensibilità-dentale-sintomi-e-rimedi

Le cause sono diverse:

- se si spazzolano i denti con troppo vigore o si usa uno spazzolino con setole troppo dure, si possono provocare delle abrasioni e una leggera retrazione gengivale

- anche i dentifrici contenenti sostanze abrasive possono indurre sensibilità dentale

- i cibi troppo acidi causano l’erosione dello smalto e la conseguente esposizione dei tubuli dentali; lo stesso vale anche per chi soffre di reflusso gastro-esofageo

- se il dolore si concentra su un unico dente, potrebbe trattarsi di una carie o di una incrinatura

- anche il bruxismo provoca sensibilità dentale

- infine, in pazienti predisposti, l’ipersensibilità non ha una vera e propria causa.

Cosa fare contro l’ipersensibilità dentinale?

L’ipersensibilità è un fastidio che non andrebbe assolutamente ignorato; per questo sono importanti controlli regolari dal vostro dentista di fiducia. Non dimenticate che il primo passo è la prevenzione!

Meglio evitare alimenti troppo dolci e appiccicosi, troppo acidi o troppo duri e preferire alimenti ricchi di calcio, fosforo e fluoro, meglio se a temperatura ambiente.

Un aiuto importante è dato anche dai corretti strumenti per l’igiene orale quotidiana: scegliere uno spazzolino con setole morbide e usare con attenzione il filo interdentale, per evitare di danneggiare le gengive; usare un dentifricio specifico per denti sensibili contenente fluoro, che va a rafforzare lo smalto; associare anche un colluttorio specifico.

Quando l’intervento del dentista risulta necessario (carie, incrinatura, recessione gengivale), è mirato a sigillare i tubuli con resine fluorate o a porre rimedio chirurgicamente alla recessione gengivale, fornendo nuova copertura al colletto dentale ed arginando così il dolore.

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguire “Il Dentista consiglia” e sentiti libero di contattarci tramite il form!

Vuoi saperne di più sull’argomento trattato? Contattaci tramite l’apposito form:

Articolo

Nome *

La tua email *

Messaggio *

Please leave this field empty.

  • Facebook
  • Google+
  • LinkedIn